Consul-Eco corsi di formazione per lavoratori

Consul-Eco si occupa di corsi di formazione per lavoratori, Corso di formazione RSPP e DL/RSPP, Addetti primo soccorso, Addetti antincendio, Addetto bonifica Amianto

L'ambiente di lavoro espone potenzialmente a rischi, proprio per questo il legislatore ha emanato delle norme la cui applicazione ha l'obiettivo di ridurre i rischi sul luogo di lavoro. Il decreto legislativo 81 del 2008 stabilisce che i lavoratori siano adeguatamente formati, conoscano i rischi del proprio settore di lavoro, inoltre richiede che in ogni azienda siano presenti delle figure professionali con formazione specifica al fine di meglio proteggere i lavoratori dai rischi potenziali presenti nei luoghi di lavoro. Di conseguenza vi è l'obbligo per il datore di lavoro di organizzare periodicamente dei corsi di formazione nel rispetto della normativa. In Umbria è possibile seguire i vari corsi presso Consul-Eco: un'azienda che fornisce servizi per la formazione dei lavoratori.

Corsi di formazione per lavoratori

L'articolo 37 del decreto legislativo 81 del 2008 stabilisce che il datore di lavoro ha l'obbligo di far in modo che ogni lavoratore abbia una formazione adeguata sui rischi e la prevenzione degli stessi in relazione al settore lavorativo nel quale è impiegato. I corsi devono essere svolti durante l'orario di lavoro, la durata è commisurata al rischio a cui è esposto il lavoratore. In particolare, in base all'accordo Stato, Regioni e Province autonome del 21 dicembre 2011, il corso di base comune a tutti i lavoratori dura 4 ore. A queste occorre aggiungere ulteriori 4 ore per i lavoratori impiegati in settori a basso rischio, 8 ore per il rischio medio e 12 ore per il rischio elevato. Per poter avere l'attestato è necessario che il lavoratore abbia seguito almeno il 90% delle ore di corso e deve superare un test finale. In base all'articolo 37 già citato il corso deve tendere a fornire nozioni su rischio, danno, prevenzione, protezione. Deve altresì aiutare il lavoratore ad individuare nel contesto lavorativo gli organi di vigilanza, controllo, assistenza. La formazione deve essere curata prima che sia costituito il rapporto di lavoro, inoltre durante lo stesso può essere richiesta ulteriore formazione nel momento in cui il lavoratore deve essere trasferito in un altro settore con rischi specifici diversi. Può essere necessario seguire un nuovo corso di formazione anche nel caso in cui in azienda siano introdotti nuovi macchinari. Nel caso in cui il lavoratore costituisca un altro rapporto di lavoro con altra società, se il settore di rischio è lo stesso può non seguire un nuovo corso, in caso contrario deve seguire il corso specifico in relazione al rischio. Tra i corsi di formazione specifici che è possibile seguire con Consul-Eco in Umbria vi è quello per addetto alle piattaforme di lavoro mobili elevabili, PLE. Il corso è rivolto a chi deve manovrare tali dispositivi, mentre non è obbligatorio per gli addetti che semplicemente si trovano nel cestello per eseguire le varie fasi delle lavorazioni. Per quest'ultimi vi è comunque l'obbligo di usare tutti i Dispositivi di Protezione Individuale previsti dalla normativa per coloro che lavorano a quote elevate. Tra le figure professionali che devono seguire corsi specifici per poter svolgere le mansioni vi è anche l'addetto ai carrelli elevatori. In questo caso il corso ha una durata di 12 ore ed è previsto un aggiornamento quadriennale.

Leggi tutto

Stampa Email

Corso di formazione RSPP e DL/RSPP

Il complesso sistema di prevenzione del rischio per i lavoratori prevede che all'interno dell'azienda sia presente anche il Responsabile del Servizio di Prevenzione e H:\condividi\Clienti\Consul-Eco\corsiProtezione. Si tratta di una particolare figura presente in azienda e che fa da tramite, o intermediario, tra l'azienda e i lavoratori al fine di porre in essere tutte le misure necessarie ad evitare rischi per la salute dei lavoratori. La legge stabilisce che tale ruolo possa essere assunto dal datore di lavoro e in questo caso si parla di DL/RSPP oppure da uno o più lavoratori o, infine, da un soggetto terzo, esterno all'azienda. La scelta del datore di lavoro di esercitare nella propria azienda anche questo ruolo non è libera, infatti, in base alla tipologia di azienda vi sono dei limiti legati al numero di lavoratori occupati. Ad esempio nelle aziende artigiane o industriali il datore di lavoro può ricoprire tale ruolo se il numero di occupati è inferiore a 30. La scelta del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione spetta al datore di lavoro, ma questo deve comunque essere adeguatamente formato. Presso Consul-Eco in Umbria è possibile seguire i Corsi RSPP e DL/RSPP. Per il datore di lavoro è possibile ottenere l'attestato ed esercitare tale compito seguendo un corso di 16/48 ore, in base al tipo di rischio presente nell'attività. Nel caso in cui sia necessario nominare un lavoratore o un esterno come RSPP occorre in primo luogo che lo stesso sia in possesso di un diploma di scuola superiore secondaria e in secondo luogo che segua un corso specifico, anche in questo caso la durata è stabilita in base alla tipologia di rischio. Il ruolo del Responsabile è molto delicato, infatti mentre i lavoratori seguono corsi di formazione per gestire il rischio e proteggere se stessi, questa particolare figura ha delle responsabilità che nei confronti degli altri dipendenti, deve determinare i rischi presenti nel settore e redigere un piano contenente misure di sicurezza. Inoltre deve presentare i piani di formazione ed informazione per l'addestramento dei lavoratori. Infine, collabora con il datore di lavoro al fine di adottare tutte le misure necessarie per prevenire rischi, anche in collaborazione con il medico competente.

Stampa Email

Addetti primo soccorso

Tra le figure che possono essere necessarie in azienda vi sono anche gli addetti al primo soccorso. Anche in questo caso la presenza sul luogo di lavoro è resa Addetti primo soccorsoobbligatoria dal decreto legislativo 81 del 2008 che affronta in modo organico molte questioni inerenti la tutela della salute sul luogo di lavoro. Il numero di addetti al primo soccorso presenti in azienda deve essere congruo rispetto al numero di lavoratori presenti. Per quanto riguarda invece i corsi di formazione, se si tratta di aziende del gruppo A, cioè:
- aziende in cui si lavora a contatto con sostanze tossiche, come centrali termoelettriche, laboratori nucleari;
- aziende con più di 5 lavoratori e che negli ultimi tre anni hanno avuto un indice infortunistico di inabilità superiore a 4;
- aziende agricole con oltre 5 dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato;
devono avere durata di 16 ore. Negli altri casi, cioè aziende del gruppo B e C, il corso deve avere una durata di 12 ore.
Tale ruolo può essere ricoperto dai lavoratori, il corso mira a fornire adeguate conoscenze su come riconoscere un'emergenza sanitaria, raccogliere informazioni sull'infortunio in modo da poterle poi trasmettere agli operatori sanitari allertati, evitare ulteriori traumi ai lavoratori e conoscere i rischi specifici per il tipo di azienda in cui si lavora.
Gli addetti al primo soccorso devono essere in grado di porre in essere manovre di primo soccorso.

Stampa Email

Addetti antincendio

A completare il quadro dei lavoratori preposti a mansioni sulla sicurezza vi è l'addetto antincendio previsto dagli articoli 18 e 43 del decreto legislativo 81 del 2008. Addetti antincendioAnche in questo caso la nomina spetta al datore di lavoro che deve però procedere in base al possesso o meno dell'attestato abilitante a tale funzione. Se in azienda nessun lavoratore ha tale attestato, è compito del datore di lavoro curare la formazione del lavoratore. Il corso ha una durata di 4 ore nelle aziende a basso rischio, 8 ore nelle aziende a medio rischio e 12 ore nelle aziende ad alto rischio. Ovviamente nel tempo è necessario provvedere anche all'aggiornamento delle competenze acquisite. L'addetto antincendio deve essere in grado di valutare il rischio incendio, proporre soluzioni, controllare in modo costante le vie di evacuazione dell'azienda e il funzionamento delle uscite di sicurezza. È suo compito anche controllare che i sistemi antincendio di protezione personale dei lavoratori siano funzionanti.

Stampa Email

Addetto bonifica Amianto

Una figura professionale particolare e che richiede un corso di formazione specifico e quindi anche di una certa durata è quella dell'addetto alla bonifica amianto. Addetto bonifica AmiantoLe fibre di amianto in passato sono state molto utilizzate in edilizia, ma anche nei trasporti, con esse sono state realizzate tubature, lastre per coperture, ma anche frizioni per i veicoli. Il rischio è molto elevato quando i materiali tendono a sgretolarsi e quindi a liberare microparticelle di amianto che possono essere inalate. L'addetto a rimozione, smaltimento e bonifica dell'amianto per poter maneggiare prodotti con amianto deve avere un'adeguata formazione che lo protegga dai rischi. Il corso di formazione per addetto bonifica amianto mira a trasmettere le informazioni utili ad individuare le fibre di amianto, sapere dove è più elevato il rischio di trovarle, le tecniche di bonifica, l'uso dei DPI e i rischi per la salute connessi al contatto con amianto. Il corso di addetto bonifica amianto dura 30 ore ed abilita alla professione.

Sempre in ambito della bonifica Amianto Consul-Eco organizza il Corso gestionale della durata di 50 ore rivolto ai datori di lavoro, al personale addetto alla stesura dei piani di rimozione e ai capi cantiere delle ditte che operano nel campo della bonifica e smaltimento amianto. Il corso gestionale abilita anche alla rimozione manuale dell'amianto.

Stampa Email

Addetto carrelli elevatori

Addetto carrelli elevatoriL’art. 73 del D.Lgs. 81/08, prevede che il Datore di lavoro provveda affinché i lavoratori incaricati dell’uso di attrezzature di lavoro che richiedono conoscenze e responsabilità particolari, ricevano una formazione specifica tale da consentirne l’utilizzo in modo idoneo e sicuro anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone.

Con l’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 sono state individuate le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori nonché le modalità di svolgimento dei corsi di formazione e aggiornamento specifici.

Tra le attrezzature per le quali è prevista una specifica abilitazione, sono inseriti i carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo comunemente chiamati “muletti”.

La formazione di tali addetti deve seguire precisi percorsi sia teorici che pratici con verifiche di apprendimento.

Il corso di formazione rivolto agli addetti alla conduzione di carrelli industriali semoventi, consente, previo il superamento delle verifiche previste, di conseguire l’attestato di abilitazione all’uso degli stessi.

Stampa Email

Addetto piattaforme

Addetto piattaformeLe PLE - Piattaforme di Lavoro Elevabili, sono attrezzature utili ad effettuare lavori in quota (superiore a mt. 2 dal suolo).

Anche le PLE rientrano nel campo di applicazione dell’art. 73 del D.Lgs. 81/08 e sono altresì inserite tra le attrezzature di lavoro contemplate nell’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 per le quali è prevista una specifica abilitazione.

Anche in questo caso, come per i carrelli elevatori semoventi, la formazione di tali addetti deve seguire precisi percorsi sia teorici che pratici con verifiche di apprendimento.

Il corso di formazione rivolto agli addetti alla conduzione delle piattaforme di lavoro elevabili, consente, previo superamento delle verifiche previste, di conseguire l’attestato di abilitazione all’uso delle stesse.

Stampa Email

  • Home

Consul-Eco snc. Partita IVA: 02785780541 - Viale Europa, 112/114 - Zona Ind.le Ospedalicchio - 06083 Bastia Umbra (PG) - Pec. progeco@pecfacile.net -  l’azienda è iscritta al mercato elettronico (Mepa) sul sito acquistinretepa.it